Carmen Esther Matias de Luna

Sono Carmen Matias De Luna, nata a Pativilca in Perù il 31 maggio del 1956. Sono stata costretta a lasciare il mio paese dopo la durissima crisi iniziata verso gli anni 1990 e sono arrivata in Italia nel 1995, insieme a molti miei conterranei, per cercare migliori condizioni di vita. Da luglio 2015 sono diventata cittadina italiana.

In Perù ho frequentato le scuole superiori (Liceo Scientifico) e successivamente mi sono specializzata in Tecnica Infermieristica, lavorando per qualche anno in una Farmacia.

Negli anni di crisi vissuti in Perù sono stata presidente di un’ associazione di volontari, “Centro de Madres”, nata per aiutare le famiglie in difficoltà e mi sono occupata di tutti gli aspetti, organizzativi e pratici, per aiutarle.

 

Sono sposata con Giacinto dal 1975, ho quattro figli tutti sposati e ho la fortuna di avere cinque nipotini. Fortunatamente, tra il 2003 e il 2009, parte della mia famiglia ha potuto raggiungermi grazie al ricongiungimento familiare e risiediamo a Bordighera dal 2007.

 

In Italia, mi sono sempre occupata di assistenza alle persone in difficoltà per problemi di salute, anziani e aiuto domestico. Dopo un  soggiorno di tre anni nel mio paese, sono rientrata in Italia nel luglio 2001, grazie ad un contratto regolare di lavoro presso una famiglia di Ospedaletti, che ho assistito per dieci anni.

Dal 2011 lavoro come assistente domiciliare a Bordighera dove ho instaurato un buonissimo rapporto -che si è trasformato nel tempo in amicizia- con la persona che assisto: conversiamo e facciamo lunghe passeggiate che mi hanno permesso di conoscere meglio la città, la sua storia, i suoi angoli nascosti e le persone che ci vivono.

 

Ho conosciuto Mara Lorenzi frequentando le manifestazioni ed eventi culturali diversi organizzati in città, ho avuto modo di apprezzare il suo impegno per la città e adesso sono contenta e orgogliosa di poter fare parte del gruppo di persone che insieme a lei vogliono lavorare per il progresso di Bordighera. In particolare, con la mia esperienza, spero di poter contribuire al progetto che vuole rendere questa città più attrattiva, accogliente e accessibile per le persone anziane o in difficoltà.

 

Bordighera è diventata ormai la nostra città, la mia nipotina Camilla di quattro anni è nata qui ed è una vera Bordigotta. Qui ci piacerebbe vederla crescere e costruire il suo futuro.